Andrew House "sorpreso" dalla politica iniziale di XBOX One

In un’intervista a The Guardian il presidente di Sony Andrew House ha dichiarato che la concorrenza con XBOX One è un’ottima cosa.

“La presenza di due piattaforme concorrenti sul mercato rappresenta un enorme vantaggio per tutta l’industria; si crea grande attenzione verso il nostro sistema di intrattenimento, cosa che non sarebbe possibile se non ci fossero due società che lottano sullo stesso mercato. La concorrenza è un’ottima cosa perchè da ai giocatori una libertà di scelta.

La conferenza E3 l’abbiamo fatta in quel modo perchè c’era qualche sospetto che le politiche adottate dalla concorrenza avrebbero creato una tendenza verso quel settore; la ragione per cui abbiamo fatto, e continueremo a fare, una dichiarazione così forte è perchè siamo rimasti sorpresi dalla politica di Microsoft. Noi abbiamo degli obiettivi chiari e precisi per come deve essere questa generazione e sappiamo che PS4 riuscirà ad offrirli.”

COMMENTI
Clicca qui per aggiungere un commento







Scritto da: Andrea "lordfener91" Dugoni

Laureato in Economia Europea, scrive News per passione e videogioca nei pochi momenti liberi. E’ un grandissimo amante della saga di Star Wars (soprattutto di tutto ciò che riguarda l'Universo Espanso) e si chiede se un giorno riuscirà mai a finire di leggere tutti gli innumerevoli romanzi usciti dagli anni ’70 ad oggi. E’ contrario allo SPPOILEEERR di qualsiasi genere… ma solamente se sono gli altri ad anticipargli le notizie. Stalkeratelo sul Twitter: @lordfener91

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet