Tomb Raider: Definitive Edition: trailer di lancio e novità sulla differenza di frame rate tra le versioni PS4 e Xbox One

Dopo le recenti voci circa la differenza di frame rate tra le versioni PS4 (60) e Xbox One (30) della Tomb Raider: Definitive Edition, si viene a sapere che il motivo di tale divario è da ricercarsi non solo nell’hardware delle due console ma anche nel team di sviluppo. Alcuni membri di NeoGAF hanno infatti notato che è la Nixxes Software ad occuparsi della versione PS4, mentre dietro quella per Xbox One ci sono i United Front Game. Tante sono le speculazioni fatte ma al momento però non vi è ancora nessuna conferma circa il frame rate finale della versione per la console Microsoft.

Dal canto suo la Square Enix prosegue a piè sospinto ed in vista del rilascio ufficiale del gioco previsto per il prossimo 31 Gennaio, rilascia il trailer di lancio.

 

 

[easyazon_block add_to_cart=”default” align=”center” asin=”B00GPO2H56″ cloaking=”default” layout=”left” localization=”default” locale=”IT” nofollow=”default” new_window=”default” tag=”consplannetw-21″]

COMMENTI
Clicca qui per aggiungere un commento







Scritto da: Dario "The Stig" Santoro

Giocatore fin dall'età di 6 anni, amo Final Fantasy e reputo il VII il migliore della serie. Sono un patito della tecnologia a 360 gradi ma ho una debolezza per i prodotti Apple. Amo i videogiochi e non le console. Sono un profondo sostenitore delle giornate da 36 ore e fermamente convinto che "non smettiamo di giocare perché diventiamo vecchi ma diventiamo vecchi perché smettiamo di giocare".

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet