Xbox One: dettagli sulla connettività, le licenze e la privacy

E’ giunta finalmente l’ora. Microsoft ha deciso di non aspettare l’E3 per far chiarezza una volta per tutte sulla questione dei DRM e dei giochi usati rilasciando sul sito ufficiale (http://news.xbox.com/2013/06/main) tutte le indicazioni a riguardo. Finalmente niente più rumor ma notizie concrete.

Oltre ai soliti punti di cui ormai siamo a conoscenza, come ad esempio l’essere stata creata attorno al cloud, di essere sempre pronta e capace di funzionare anche in uno stato di simil ibernazione come la PS4 qui conosciuto come “a basso consumo energetico” ed essere sempre connessa alla rete per consentire di scaricare tutti gli aggiornamenti automaticamente, l’Xbox One avrà alcuni sistemi per il controllo dei giochi usati.

Alcune cose saranno state già dette ma è meglio ripeterle per avere un quadro d’insieme complessivo. Cominciamo: tutti i giochi saranno disponibili in formato digital delivery sul Marketplace e su supporto ottico che però, una volta installato, non sarà più necessario. Ogni titolo andrà infatti installato e registrato sui server accedendo con il proprio account ad Xbox Live. Lo stare collegati ci permetterà di accedere alla nostra intera libreria giochi da qualunque Xbox One, ovvero come accade già ora su Xbox 360. La struttura cloud Azure di Microsoft dispone di 300.000 server che verranno messi a disposizione degli sviluppatori per poter creare mondi ed evoluzioni dei loro giochi mentre non stiamo giocando. Anche per tale ragione è richiesta un’adsl di almeno 1,5 Mbps altrimenti, come la stessa MS suggerisce, si può ripiegare sulle chiavette per una connessione mobile, ma in ogni caso è necessario un collegamento ad internet. E veniamo al nodo dolente della questione giochi usati. Microsoft conferma che si potrà giocare offline ma per un massimo di 24 ore scadute le quali sarà necessario ricollegarsi al Live per poter continuare la sessione. In caso contrario si potranno solo guardare i film su disco o la fantomatica TV. La necessità di essere connessi ad internet servirà alla MS per poter controllare le licenze dei giochi, sia nuovi che usati (quindi precedentemente rivenduti), ed anche semplicemente prestati ad un amico. Le 24 ore di stacco offline si ridurranno ad una sola quando si vorrà accedere al proprio account da un’altra console. Ecco quindi spiegato il tanto chiacchierato always-on che porta direttamente all’altro punto cruciale, il DRM. Come già tempo fa dichiarato, i titoli una volta installati verranno associati al nostro account e alla console, ma ciò non preclude la possibilità di utilizzo degli stessi da parte di altri utenti (oltre a quello principale) registrati sull’hdd. I giochi verranno quindi legati su 2 livelli, il primo rappresentato dall’account ed il secondo dal seriale della console. Xbox One permetterà inoltre di condividere l’intera libreria giochi fino a 10 membri della famiglia che potranno giocare allo stesso gioco ma solo in determinati momenti. Questo purtroppo è un punto poco chiaro al momento.

Passiamo alla rivendita dei giochi su disco. Microsoft conferma che sarà possibile rivendere i propri giochi ma ci si dovrà appoggiare a dei rivenditori selezionati ed inoltre che non ci sarà nessuna tassa sulla rivendita da parte di negozianti o produttori ma che saranno proprio questi ultimi a stabilire come comportarsi con i loro titoli.

Il discorso rivendita permette di allacciarsi al prestito di un gioco ad un amico: il passaggio sarà possibile a patto che l’amico sia vero e sia presente nella nostra lista amici da almeno 30 giorni e potrà essere fatto una volta sola.

Ultimo argomento trattato che ha fatto discutere molto in questo ultimo periodo è il Kinect. L’utente avrà il pieno controllo della periferica impostando i settaggi per l’utilizzo. Sarà ancora possibile accendere la console manualmente e non con la propria voce. L’utente potrà sempre accorgersi quando il Kinect è in funzione o in stand by e potrà settare diversi livelli di privacy. Alcuni giochi o app potranno richiedere un riconoscimento facciale o addirittura il battito cardiaco per poter funzionare previa nostro consenso. Infine oltre al Kinect si potranno usare altre periferiche per il controllo dell’Xbox come i dispositivi provvisti di Smart Glass.

Allacciandomi ad un libro di Aidan Chambers, questo è tutto. Fateci sapere la vostra in merito a questa politica e se pensate che in tempi come quelli di oggi questi provvedimenti possono realmente giovare alla lotta alla pirateria.

In calce trovate l’elenco di tutti i punti del comunicato:

[toggle title=”Xbox One: A Modern, Connected Device“]

Xbox One will deliver new benefits for gamers that are only possible with a system designed from the ground up to be ready and connected. Here are just a few examples:

A new generation of games with power from the cloud: Because every Xbox One owner has a broadband connection, developers can create massive, persistent worlds that evolve even when you’re not playing.

Your Xbox One is always ready: Xbox One is designed to run in a low-powered, connected state. This means your system, games and apps are always current and ready to play—no more waiting for updates.

Stay connected to your friends: Never miss an opportunity to play games with your friends or to catch up with family on Skype. Use Skype in Snap mode to chat while you play games or watch TV. Or enjoy group video Skype calls with people around the world, all from the comfort of your living room.

Access your entire games library from any Xbox One—no discs required: After signing in and installing, you can play any of your games from any Xbox One because a digital copy of your game is stored on your console and in the cloud. So, for example, while you are logged in at your friend’s house, you can play your games.

Buy the way you want—disc or digital—on the same day: You’ll be able to buy disc-based games at traditional retailers or online through Xbox Live, on day of release.

NETWORKING TECHNOLOGIES

A range of advanced technologies will make these scenarios possible, including:

Superior wireless performance and coverage throughout the home: Xbox One is equipped with a gigabit Ethernet port and 802.11n wireless. With 802.11n, Xbox One can use the 5GHz wireless band which eliminates considerable interference from other devices in the home, such as cordless phones, Bluetooth devices and microwaves. Xbox One uses two wireless antennas, versus one in Xbox 360. This provides dramatically better coverage and sustained performance, which means faster internet speeds in more areas of your home.

Faster connection to a world of smart devices: With Wi-Fi Direct, Xbox One can speak directly to smart wireless devices and connect to them through the cloud. This means your smartphone or tablet will interact with Xbox One seamlessly.

Future proofed with power from the cloud: Microsoft has created a global network of more than 300,000 Xbox Live and Windows Azure servers, to help creators realize their visions of what is possible with a connected system.

NETWORKING REQUIREMENTS

To ensure Xbox One works optimally and can offer the experiences described above, it is designed with the following networking requirements:

• For an optimal experience, we recommend a broadband connection of 1.5Mbps. In areas where an Ethernet connection is not available, you can connect using mobile broadband.

• While a persistent connection is not required, Xbox One is designed to verify if system, application or game updates are needed and to see if you have acquired new games, or resold, traded in, or given your game to a friend. Games that are designed to take advantage of the cloud may require a connection.

With Xbox One you can game offline for up to 24 hours on your primary console, or one hour if you are logged on to a separate console accessing your library. Offline gaming is not possible after these prescribed times until you re-establish a connection, but you can still watch live TV and enjoy Blu-ray and DVD movies.

At Xbox, we’ve always believed in a connected world of games and entertainment. With Xbox One, we are planning for a connected future. We can’t wait to show you what’s to come.

How Games Licensing Works on Xbox One

With our modern architecture, Xbox One games will load more quickly, will be always accessible from the cloud, and there is no physical limit to the size or scope of the content provided.

Here are our platform policies and capabilities for game licensing – all of which will be made available when Xbox One launches later this year:

Buy the way you want—disc or digital—on the same day: You’ll be able to buy disc-based games at traditional retailers or online through Xbox Live, on day of release. Discs will continue to be a great way to install your games quickly.

Access your entire games library from any Xbox One—no discs required: After signing in and installing, you can play any of your games from any Xbox One because a digital copy of your game is stored on your console and in the cloud. So, for example, while you are logged in at your friend’s house, you can play your games.

Share access to your games with everyone inside your home: Your friends and family, your guests and acquaintances get unlimited access to all of your games. Anyone can play your games on your console–regardless of whether you are logged in or their relationship to you.

Give your family access to your entire games library anytime, anywhere: Xbox One will enable new forms of access for families. Up to ten members of your family can log in and play from your shared games library on any Xbox One. Just like today, a family member can play your copy of Forza Motorsport at a friend’s house. Only now, they will see not just Forza, but all of your shared games. You can always play your games, and any one of your family members can be playing from your shared library at a given time.

Trade-in and resell your disc-based games: Today, some gamers choose to sell their old disc-based games back for cash and credit. We designed Xbox One so game publishers can enable you to trade in your games at participating retailers. Microsoft does not charge a platform fee to retailers, publishers, or consumers for enabling transfer of these games.

Give your games to friends: Xbox One is designed so game publishers can enable you to give your disc-based games to your friends. There are no fees charged as part of these transfers. There are two requirements: you can only give them to people who have been on your friends list for at least 30 days and each game can only be given once.

In our role as a game publisher, Microsoft Studios will enable you to give your games to friends or trade in your Xbox One games at participating retailers. Third party publishers may opt in or out of supporting game resale and may set up business terms or transfer fees with retailers. Microsoft does not receive any compensation as part of this. In addition, third party publishers can enable you to give games to friends. Loaning or renting games won’t be available at launch, but we are exploring the possibilities with our partners.

As we move into this new generation of games and entertainment, from time to time, Microsoft may change its policies, terms, products and services to reflect modifications and improvements to our services, feedback from customers and our business partners or changes in our business priorities and business models or for other reasons. We may also cease to offer certain services or products for similar reasons.

In the months ahead, we will continue to listen to your feedback as we meet with our partners in the ecosystem to bring additional detail about our policies.

Privacy by Design: How Xbox One and the New Kinect Sensor Put You in Control

Xbox One and Kinect offer easy and approachable ways to control your games and entertainment with your voice and gestures. By recognizing you, Xbox One can tailor personal experiences and customize content just for you.

At Microsoft, we prioritize your privacy. We understand that your personal data and privacy are important. Xbox One and Kinect will provide tools to put you in control of your data. These include:

You are in control of what Kinect can see and hear: By design, you will determine how responsive and personalized your Xbox One is to you and your family during setup. The system will navigate you through key privacy options, like automatic or manual sign in, privacy settings, and clear notifications about how data is used. When Xbox One is on and you’re simply having a conversation in your living room, your conversation is not being recorded or uploaded.

You are in control of when Kinect sensing is On, Off or Paused: If you don’t want the Kinect sensor on while playing games or enjoying your entertainment, you can pause Kinect. To turn off your Xbox One, just say “Xbox Off.” When the system is off, it’s only listening for the single voice command — “Xbox On,” and you can even turn that feature off too. Some apps and games may require Kinect functionality to operate, so you’ll need to turn it back on for these experiences.

You are in control of your personal data: You can play games or enjoy applications that use data, such as videos, photos, facial expressions, heart rate and more, but this data will not leave your Xbox One without your explicit permission.

You can use other inputs to control your games, TV and entertainment experiences: While it’s faster to find what you’re looking for using your voice and gesture commands with Kinect, you can use a controller, your remote controls or your smart devices instead. And you can use all of these devices when Kinect is paused.[/toggle]

COMMENTI
  1. 1.

    ecco, come si sospettava è accaduto.

    non capisco bene questa frase

    box One permetterà inoltre di condividere l’intera libreria giochi fino a 10 membri della famiglia che potranno giocare allo stesso gioco ma solo in determinati momenti

    perchè solo in determinati momenti?

    dopo questa sono sempre più spinto sulla playstation 4, e penso di non essere l’unico a essere adirato per questa politica di M$.

    La necessità dell’always on è un altro è punto negativo, molte persone non hanno ancora l’adsl, e alcuni non vogliono farlo (conosco gente su M$ che pur avendo la console xbox, non vuole attivare il live perchè costa)

    Se ho capito bene o hai una connessione adsl da 1.5 Mega (sono megabyte o megabit?????) o non puoi fare nulla.

    Boh contenti loro, penso che perderanno molti utenti

    2.

    rikierta
    ecco, come si sospettava è accaduto.

    non capisco bene questa frase

    perchè solo in determinati momenti?

    dopo questa sono sempre più spinto sulla playstation 4, e penso di non essere l’unico a essere adirato per questa politica di M$.

    La necessità dell’always on è un altro è punto negativo, molte persone non hanno ancora l’adsl, e alcuni non vogliono farlo (conosco gente su M$ che pur avendo la console xbox, non vuole attivare il live perchè costa)

    Se ho capito bene o hai una connessione adsl da 1.5 Mega (sono megabyte o megabit?????) o non puoi fare nulla.

    Boh contenti loro, penso che perderanno molti utenti

    Sinceramente non credo che se dovessero perdere clienti li perderebbero perché alcuni della famiglia potranno giocare solo in alcuni momenti 😆 Sta cosa credo interesserà forse neanche all’1% dei giocatori.

    Per quanto riguarda la connessione si tratta di Megabit per second. Credo si riferisca alle normali connessioni. Io ho una 10 mega, che è una 10 Mbps. Il numero è riferito all’intera banda (data rate) non a quella realmente utilizzabile (throughput). Altrimenti dovrei in teoria scaricare a 10 mega quando invece arrivo max a 1/1,2 mega al secondo.

    Sent from my iPhone using Tapatalk

    3.

    Ok, diciamo che la microsoft stà facendo un sacco di porcate, anche se ad una visione ogettiva possiamo benissimo dire che usato e pirateria in effetti sono note dolenti per chi ci DEVE guadagnare.

    Ma la Sony? Vedo un sacco di gente dire “allora io passo a PS4!” “allora io confermo PS4!” va bene, ma la Sony tutte queste cose non mi risulta le abbia specificate, no?

    L’unica cosa saggia da fare è aspettare un anno buono prima di decidere quale console acquistare.

    4.

    Ma quindi i giochi non si potranno vendere se non a qualcuno che si ha sulla lista amici?

    Sent from… Whatever

    5.

    Per me la nota dolente è quella dei giochi usati

    Devo capire bene come funziona questo punto perchè io di giochi nuovi prendo solo alcuni titoli

    il resto per me è usato. Quindi se troverò soddisfazione in questo nuovo modo di usare la Xbox

    allora bene forse un giorno la comprerò (quando costerà di meno).

    Oltretutto visto come si stanno mettendo le cose forse mi metterò l’animo in pace

    e così come ho cominciato ad interessarmi degli obiettivi arriverà il momento che me ne fregherò

    Addio

    6.

    Dai ma se io voglio andare da un amico, attaccare la console e giocare mi tocca connetterla ad internet pure la? e 30 giorni in lista amici per poter rivendere un gioco, e la cosa si può fare una sola volta?

    Ma baffa….

    Ho comprato la 360 per Halo, perchè è una saga della quale adoro all’ennesima potenza universo e storie, ma con tutte ste ca**ate che fa Microsoft probabilmente mi vedrò costretto a rinunciarci….e passare a Sony se fa le cose fatte meglio.

    7.

    nuggets619
    .e passare a Sony se fa le cose fatte meglio.

    secondo me la linea sarà più o meno quella purtroppo

    8.

    arsenius89
    secondo me la linea sarà più o meno quella purtroppo

    Si lo penso anche io sinceramente….mal che vada ho un sacco di giochi da recuperare di questa gen :asd:

    9.

    quindi… mi devo connettere una volta al giorno per forza? e continuare poi la sezione online? O_O

    capisco se gioco ad un gioco… al multiplayer,devo connettermi online,ma cavolo se gioco per esempio ad un gioco delle lego (uno dei pochi giochi senza online :asd: ) poi per forza devo connettermi O_O

    facevano prima ha metter l’always on :indiff:

    se cosi davvero fosse alla fine,microsoft con la 360 mi son divertito ma con quella nuova col piffero che ci gioco 🙂

    10.

    nuggets619
    Si lo penso anche io sinceramente….mal che vada ho un sacco di giochi da recuperare di questa gen :asd:

    idem, io devo recuperare pure la console:asd:

    11.

    Mi sa che per giocare con questa console dovrete leggervi bene e fare una parafrasi grammaticale del libretto dell’uso/ato ahahahah 😀
    12.

    arsenius89
    Ma quindi i giochi non si potranno vendere se non a qualcuno che si ha sulla lista amici?

    Sent from… Whatever

    Sì è così. in pratica,se voglio vendere un gioco a qualcuno,devo avere questa persona all’interno della mia lista amici,e per un periodo pari o superiore ai 30 giorni.

    E cosa dovremmo fare,mandare la richiesta a tutti gli utenti di XBox Live?!? S’è capito,è una mossa per rendere stucchevole la compravendita dei giochi usati tra persone e incoraggiare l’usato solo tra i negozi consorziati (come Gamestop). Negozi che,ovviamente,applicheranno la loro assurda politica di prezzi (come accade oggi,dove un gioco usato,dopo due anni dall’uscita,arriva a costare ancora 50 euro!).

    Inoltre,hanno inserito a tutti gli effeti l’always on. Insomma se uno internet non ce l’ha,oppure non vuole collegarsi al loro servizio,deve farlo per forza,altrimenti non gioca. Ma anche se un’utente ha l’abbonamento ad XBL,ma,per un giorno,non può collegarsi,di conseguenza,non può giocare.

    Ma cos’è,adesso abbiamo l’obbligo di firma come i carcerati?

    Ridicola poi,l’opzione per far giocare 10 persone con la propria console. Vi rendete conto che rivoluzione? Potete far giocare anche altre persone della vostra famiglia con la vostra console,fino a un tetto massimo di 10! Fossi in loro lo scriverei bello grande sulla scatola!

    Ah,per caso,se la persona che voglio far giocare,non appartiene al mio nucleo familiare,che faccio non la faccio giocare? Microsoft,per andare sul sicuro,perché,all’atto di acquistare l’Xbox One,non chiedi all’utente,un “Certificato di Famiglia”,così puoi controllare,effettivamente,quante persone compongono quel nucleo familiare,in modo tale da chiedere soldi per la licenza di gioco,ai parenti e/o agli amici in più?

    Insomma,l’Xbox One,è una console elitaria,fatta solo per gente ricca e per sennare i polli che cascheranno in questa truffa. Che bello,adesso abbiamo le caste anche tra i videogiocatori!

    Che poi,con questo sistema,non saremo padroni di niente. Né della console,né dei giochi: sarà tutto in “comodato d’uso”. Finita la prossima gen,se per puro caso,vorreste giocare un titolo a distanza di tempo,non potrete farlo,perché il gioco richiederà un segnale dato da un server,che,con molta probabilità,sarà chiuso.

    Insomma,dopo 5 anni,dovrete buttare via il gioco.

    Microsoft,se prima avrei aspettato 2 anni,prima di comprare il tuo “nuovo” ammasso di silicio,ora non lo farò stanne certa. Per me sta console,è da scaffale a vita!

    13.

    Violent666

    Che poi,con questo sistema,non saremo padroni di niente. Né della console,né dei giochi: sarà tutto in “comodato d’uso”. Finita la prossima gen,se per puro caso,vorreste giocare un titolo a distanza di tempo,non potrete farlo,perché il gioco richiederà un segnale dato da un server,che,con molta probabilità,sarà chiuso.

    Giusta considerazione, a questo non avevo pensato. Sinceramente dubito che chiudano i server per la gen successiva, altrimenti penso che non venderebbero nessuna “Xbox Two” causa utenti inferociti, ma sicuramente tra due gen penso che sia un’ipotesi più che plausibile. E questo sarebbe vergognoso.

    Le politiche che hanno intrapreso a Microsoft sono, personalmente, al limite del boicottaggio. Ora io aspetto l’e3, l’uscita delle console e poi deciderò, ma sono uno che se è contrario a una cosa, non la appoggia minimamente.

    Da questo punto di vista penso che l’unica società sana rischia di rimanere Nintendo, ma che purtroppo ha i suoi difetti di essere fin troppo conservativa dal punto di vista tecnico e di conseguenza di supporto giochi rispetto a Xbox e Playstation. Vabbè, spero che almeno Sony non faccia ca$$ate…

Clicca qui per aggiungere un commento







Scritto da: Dario "The Stig" Santoro

Giocatore fin dall’età di 6 anni, amo Final Fantasy e reputo il VII il migliore della serie. Sono un patito della tecnologia a 360 gradi ma ho una debolezza per i prodotti Apple. Amo i videogiochi e non le console. Sono un profondo sostenitore delle giornate da 36 ore e fermamente convinto che “non smettiamo di giocare perché diventiamo vecchi ma diventiamo vecchi perché smettiamo di giocare”.

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet