[SPECIALE] Nintendo Switch: Pro e Contro

Ci vuole la mente fredda. Mi piace definire noi Nintendari come “eterni bambini sognatori”, cresciamo nel fisico e nella mente, ma il cuore palpita sempre appena Nintendo si accinge a lanciare qualcosa di nuovo. E di fronte all’accoppiata Switch/Zelda non possono che brillare gli occhi. Adesso però, dopo due settimane intensive e con, appunto, la mente fredda, è giusto tirare le somme di cosa è (e cosa potrà) essere Nintendo Switch, magari con lo scopo di poter chiarire le idee agli indecisi sull’acquisto. Ecco quindi un listone di pro e contro del nuovo hardware Nintendo

PRO

Due in uno

È chiaramente la feature principale, quella che giustifica l’intera esistenza di Nintendo Switch: la possibilità di giocare secondo le proprie esigenze, su portatile o su TV. E funziona? Alla grande! La semplicità del cambio di modalità di gioco è perfetta: inserisci nella dock e dopo due secondi l’immagine appare su TV, estrai il tablet dalla dock e dopo altri due secondi sei già pronto a giocare in portatile. Entrambe le modalità di gioco funzionano egregiamente, magari per quanto riguarda Zelda: Breath of The Wild è possibile riscontrare più frequentemente cali di framerate sul grande schermo, ma va anche considerato che siamo solo all’inizio del ciclo vitale della console, quindi sarà con il tempo che capiremo i veri limiti di questa caratteristica. Certo è che, sempre prendendo il nuovo Zelda come riferimento, viene difficile pensare che Nintendo Switch non vada a sostituire anche il 3DS, come invece la stessa Nintendo ha finora tenuto a specificare. La qualità del gioco sullo schermo portatile è disarmante, siamo anni luce avanti al 3DS e Switch sembra proprio essere il passo avanti verso il futuro.

I Joy-con

Qui potremmo aprire una parentesi chilometrica sulla comodità di questi due mini-controller, ma la verità è che probabilmente finiremmo con il concludere che parliamo di un fattore molto soggettivo. Ciò che impressiona di questi due controller è la quantità di feature inserite in uno spazio così ridotto: HD Rumble, Motion Sensors (accelerometro e giroscopio), lettore per gli amiibo e la possibilità di catturare screenshots (anche video in futuro).

Region Free

Alleluia! Innumerevoli sono state le discrepanze tra le date di uscita di Giappone, Nord America ed Europa, senza contare tutte quelle volte in cui alcuni giochi non sono mai usciti dal alcuni mercati (qualcuno ha detto Atlus?). Ora con Nintendo Switch c’è finalmente quella libertà che mancava, sia per quanto riguarda i giochi su cartuccia, sia per l’eshop e i giochi digitali.

Zelda al lancio

Questo basta e avanza. Nel caso non abbiate ancora letto la nostra recensione, sappiate che The Legend of Zelda: Breath of the Wild è strepitoso, il perfetto mix di elementi che hanno sempre contraddistinto la saga uniti alle moderne meccaniche da RPG open world. E, onestamente, non ricordo console che al lancio hanno disposto di un vero e proprio capolavoro. Poi possiamo lungamente discutere di tutti gli altri giochi offerti al lancio, ma onestamente crearsi da soli concorrenza con più di una killer app al day one non credo abbia molto senso.

CONTRO

Alcuni difetti hardware

Da questi primi giorni di vita emergono tre incertezze, due delle quali possono essere identificate come errori di concezione, a meno che il sottoscritto non riesca a cogliere l’effettiva motivazione di queste scelte. Sto parlando innanzi tutto dello stand, se così si può definire, perchè effettivamente non è altro che una piccola gamba di plastica che dovrebbe tenere in piedi il tablet. Ecco, scordatevi di trovare un supporto stabile, anzi. Inoltre, sempre per quanto riguarda la modalità di gioco con lo stand in uso, vi sarà impossibile giocare con il dispositivo in carica, visto che la porta USB per l’alimentatore è stata proprio messa sotto. Naturalmente possono venire in aiuto accessori come piedistalli più rialzati, cosa che risolverebbe entrambi i problemi, ma è pur sempre una spesa in più oltre alla console. Infine, arriva anche qualche segnalazione riguardante la portata del segnale Wi-Fi, che effettivamente non sembra tra le migliori. Per ora comunque non ci sono stati particolari problemi, almeno per quanto riguarda il download di software dall’eshop, mentre il beta test di Splatoon del 24 Marzo potrà dare chiarimenti per quanto riguarda la stabilità online.

La dashboard

Probabilmente una delle più spoglie che si siano viste. A guardarla sembrerebbe di avere tra le mani una console con lavori in corso, e sicuramente è anche così, vista l’attuale mancanza dell’infrastruttura online. Certo è che le icone per i giochi, quelle per il profilo, l’eshop e le impostazioni la fanno sembrare un po’ anonima.

L’eShop

Anche in questo caso l’inizio è un po’ vuoto, nonostante la buona varietà al day one. Ma se a due settimane dal lancio sono usciti solo altri retrogames, qualche problemino di abbondanza c’è. Senza contare i prezzi esagerati, capitanati in particolare da I Am Setsuna a 40€, ma anche Snipperclips e Fast RMX a 20€ non sono proprio economici, per quanto poi siano entrambi buoni titoli. Ancora da definire, inoltre, la questione Virtual Console, con le voci di una sezione Gamecube che si fanno sempre più insistenti, senza però trovare riscontro da parte Nintendo, che purtroppo rimane piuttosto taciturna in proposito. Non ci resta che sperare in aggiornamenti quanto prima possibile.

CONCLUSIONE

Che sarà di questa Ninendo Switch? Domanda difficile, sicuramente la nuova console Nintendo ha ottime potenzialità e la possibilità di poter usufruire di tutti i giochi in modalità portatile potrebbe essere l’ago della bilancia sulla scelta di preferire la versione Switch alle controparti per altre piattaforme. Nasce quindi il solito ed eterno dubbio sul supporto delle terze parti, che è tutto da vedere. Come da vedere è l’infrastruttura online, a quanto pare interfacciata con un app per smartphone, un punto di domanda bello grosso. Ad oggi il vero motivo per prendere Nintendo Switch è Zelda: Breath of the Wild, altrimenti il consiglio è quello di aspettare maggiore completezza sia per quanto riguarda la console stessa e le sue features, sia per il parco titoli che è solo agli albori.

COMMENTI
  1. 1.

    Ottimo articolo che illumina sui Pro e i Contro più importanti. Se è vero che il difetto del giocare con lo stand è stato parzialmente risolto con l’accessorio apposito, io tra i contro avrei messo una docking station non proprio ottimale per il tab che rischia di farsi male senza pellicola. D’accordo anche sul parco titoli, in Giappone c’è molta più scelta. Avrei sicuramente preferito Dragon Quest a Bomberman.
    2.

    Mi sono convinto ed alla fine ho ceduto, in arrivo domani con il gioco 1,2 switch ed a breve, appena mi libererò di alcuni titoli arretrati PS4 e ONE, mi tufferò nel fantastico mondo di zelda. Dopo questo però penso che dovrò aspettare fine anno per rimettere mano su Switch, perchè oltre a Mario non vedo titoli di mio interesse in uscita per quest’anno.
    3.

    Citazione Originariamente Scritto da Pintur
    Visualizza Messaggio

    Mi sono convinto ed alla fine ho ceduto, in arrivo domani con il gioco 1,2 switch ed a breve, appena mi libererò di alcuni titoli arretrati PS4 e ONE, mi tufferò nel fantastico mondo di zelda. Dopo questo però penso che dovrò aspettare fine anno per rimettere mano su Switch, perchè oltre a Mario non vedo titoli di mio interesse in uscita per quest’anno.

    Si le esclusive nuove e importanti sono zelda e mario…. Lo sono anche fire emblem e xenoblade, ma sicuramente più di nicchia w chissà quando escono.

    Switch ha valore aggiunto se vuoi giocare multipiatta in portatile, infatti io yooka laylee lo aspetto su switch anche se esce per one e ps4. Il problema è che per ora anche su questo fronte pochi annunci, spero che arrivi qualche novità a breve… Prima dell’e3 si intende

    Inviato dal mio D5803 utilizzando Tapatalk

Clicca qui per aggiungere un commento







Scritto da: Simone "nuggets619" Lenotti

Prima che la passione videoludica trovasse continuità ha vissuto quattro epoche diverse capitanate da Super Mario 64, Unreal Tournament, Pokemon (che le aziende di batterie stilo ringrazieranno a vita) e per finire Halo, del quale segue qualsiasi cosa e che ritiene uno degli universi di fantascienza più appassionanti di sempre. Ad oggi si ritiene un giocatore universale, ancora attaccato alle portatili Nintendo, oltre che particolarmente ferrato negli FPS e nella nobile arte dello stealth. Un difetto? Mai posseduta una console Sony. Rimedierà?

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet