Gli sviluppatori di Spec Ops: The Line annunciano The Cycle

Dopo aver abbandonato lo sviluppo di Dead Island 2 per divergenze creative, i ragazzi di Yager Development – gli sviluppatori di Spec Ops: The Line – hanno annunciato The Cycle, fps multiplayer sci-fi strutturato in match di una durata di 20 minuti da 20 giocatori.

The Cycle sarà disponibile tra qualche settimana in versione pre-alpha per PC e uscirà prossimamente su console.

COMMENTI
  1. 2.

    lordfener91
    …e anche loro si danno al multiplayer 🙁 Peccato, perchè Spec Ops è stato un gran bel gioco.

    Infatti…. Senza contare che, in una notizia di qualche mese fa, di uno degli sviluppatori interni, definì la creazione del comparto multyplayer di Spec Ops The Line, un’esperienza terribile. :sese D’altronde, lo stesso Spec ops, non ha avuto un gran riscontro di pubblico. Quindi se vogliono sopravvivere e continuare a programma videogiochi, questa è l’unica strada da seguire, visto i successi di titoli come Overwatch e Fortnite. :indiff:

Clicca qui per aggiungere un commento







Scritto da: Andrea "lordfener91" Dugoni

Laureato in Economia Europea, scrive News per passione e videogioca nei pochi momenti liberi. E’ un grandissimo amante della saga di Star Wars (soprattutto di tutto ciò che riguarda l'Universo Espanso) e si chiede se un giorno riuscirà mai a finire di leggere tutti gli innumerevoli romanzi usciti dagli anni ’70 ad oggi. E’ contrario allo SPPOILEEERR di qualsiasi genere… ma solamente se sono gli altri ad anticipargli le notizie. Stalkeratelo sul Twitter: @lordfener91

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet