CastleStorm VR

Da il il Recensioni, 4 più

[RECENSIONE] CastleStorm VR

Zen Studios’ è uno di quegli sviluppatori che si è mostrato sin da subito interessatissimo alla realtà virtuale. Dopo aver portato la sua serie di punta (Pinball FX) sui vari visori e dopo il recente Infinite Minigolf, con supporto PSVR già al lancio, si appresta a rilasciare sulla piattaforma Sony un altro dei suoi titoli, il già famoso Castlestorm.
A dirla tutta, Castlestorm VR non è propriamente nuovo, essendo uscito mesi fa su Gear VR e Oculus Rift. Ma scaduto (ciò che presumo fosse) il termine dell’esclusiva temporale, si appresta a fare il passo sulla piattaforma di casa Sony, con un porting fondamentalmente identico all’originale.

Castlestorm è un titolo talmente semplice e immediato, da permettergli di sposarsi perfettamente con qualunque piattaforma, dal mobile al PC. E’ uno strategico in 2D dove il vostro compito principale sarà distruggere il castello avversario, evitando al contempo che il vostro venga distrutto. Le modalità di attacco e difesa saranno in tempo reale, e avrete modo di attaccare direttamente la costruzione nemica con bombe e frecce, mandare truppe ed evocando eroi (controllabili direttamente dal giocatore). Se avete avuto già modo di provarlo, potrete aspettarvi la stessa giocabilità di sempre, ma a questo punto la domanda è ovvia: Cosa porta l’aggiunta del VR a questo titolo?

Se è vero che a livello di gameplay cambia poco, la prospettiva e il modo in cui la storia viene raccontata sanno invece abbastanza diversi dal solito.
Il gioco inizia con voi seduti in una sorta di sala cinematografica medioevale, con uno stile che ricalca perfettamente quello del resto del titolo. Le cutscenes del gioco, identiche alla versione non VR del titolo, saranno proiettate sullo schermo del cinema virtuale. Nulla di sconvolgente, ma funziona decisamente meglio del semplice filmato in 2D che titoli come Resident Evil 7 offrono. Ovviamente tutto cambia una volta in-game.

Se nella versione non VR di Castlestorm la telecamera si concentra sulla zona che va dal centro dello stage al castello nemico, con la possibilità di zoomare, su PSVR sarete sin da subito molto più vicini all’azione. La differenza principale è data dal vostro poter semplicemente girare la testa per controllare il resto della situazione. Qualcosa di sottile, quasi impercettibile, che però permette di seguire l’azione in modo molto più fluido, potendo controllare nel giro di pochi attimi l’esito del vostro colpo e i combattimenti tra soldati alleati e nemici.

Per il resto c’è poco da dire. Se avete già giocato alle versioni precedenti, sapete cosa aspettarvi. Oltre alla modalità storia, che poco alla volta vi introdurrà alle diverse armi e truppe disponibili e a costruire il vostro castello, avrete diverse modalità multiplayer, sia competitive che cooperative, che assicurano al titolo una longevità assolutamente eccezionale per il prezzo a cui è venduto. Se è pur vero che chi possiede già una delle versioni precedenti di Castlestorm non troverà contenuti nuovi di sorta, l’utilizzo del visore aggiunge qualcosa di nuovo e porta una ventata di aria fresca ad una formula che non pare stia invecchiando affatto.

Recensione a cura di Sacha “Omeganex999” Morgese

COMMENTI
Clicca qui per aggiungere un commento




Il Buono

  • Uso del PSVR interessante
  • Contenuti e longevità eccezionali

Il Cattivo

  • Nulla di nuovo per i possessori delle versioni non VR
8

Scritto da: Gerolamo "Pintur" Grosso

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet