King Oddball

Da il il Recensioni, 2 più

[RECENSIONE] KING ODDBALL (NINTENDO SWITCH VERSION)

PALLE AL BALZO

King Oddball, titolo sviluppato da 10tons Ltd, dopo esser stato rilasciato per console PlayStation 4, Xbox, Steam e dispositivi mobile, dal 30 ottobre è disponibile anche per Nintendo Switch, pronto a sfruttare a pieno il duplice fattore console e portabilità. Una volta avviato il gioco ci si catapulta immediatamente in quella che sarà l’esperienza videoludica che ci accompagnerà per alcune ore. Essenzialmente King Oddball non è altro che un puzzle game che sembra essere un parente molto prossimo di Angry Birds, seppur si fondi su principi essenzialmente differenti rispetto al titolo finnico di maggior fortuna.

Immediatamente sarà disponibile una mappa che ci permetterà una limitata libertà di movimento entro determinati quadranti. Sarà possibile scegliere la sequenza con cui si affronteranno i differenti livelli. Al completamento di una determinata zona si verrà catapultati in una nuova. Fondamentalmente tale stacco è favorito da un cambiamento dell’atmosfera e dell’ambientazione di mappa e dei vari livelli. Stilisticamente, seppur minimalista, è tuttavia abbastanza gradevole agli occhi. Tutti gli elementi si presentano ben caratterizzati e definiti sullo schermo, sintomo di un porting ben ottimizzato. I pochi brani o jingle che accompagneranno la vostra avventura sono abbastanza basilari e gradevoli.

Da un punto di vista di gameplay, il “Re” al nostro comando avrà a disposizione tre lanci eseguiti attraverso dei sassi facendo oscillare la lingua. L’obiettivo è quello di distruggere tutte le armate che saranno presenti sullo schermo. C’è possibilità di interagire con oggetti direttamente presenti sullo schermo per aumentare il potere distruttivo e colpire più bersagli contemporaneamente. Vi sarà anche la possibilità di effettuare dei tiri a rimbalzo in modo tale da permettere alla lingua di recuperare il sasso, aumentando, quindi, i tiri a nostra disposizione.

I livelli avranno un crescendo di difficoltà, passando da un livello davvero basilare a rompicapo molto più articolati. Esiste un sistema di valutazione in base al numero di lanci e di combo eseguite, e si sente anche la mancanza del game over. In ogni momento sarà possibile riavviare il livello senza la perdita di alcun progresso. Sicuramente la ripetitività di alcuni scenari è un fattore disturbante, così come il basso livello di sfida per una gran parte del gioco. A tutto ciò si può aggiungere il fattore casualità, ovvero spesso i lanci non sono frutto di studi fisici articolati o quant’altro, ma piuttosto di quel fattore “C” che permette di risolvere situazioni intricate con il minimo sforzo.

Insomma, valutare questo King Oddball non è un mestiere facile. Sicuramente il titolo è accattivante per prezzo e in ottica mobilità, in quanto può rivelarsi un passatempo tuttavia godibile. Più di cento livelli, degli scenari carini e un crescendo della difficoltà possono garantire qualche ora di gioco. In alternativa, se state cercando un livello di sfida elevatissimo o un gioco con una discreta rigiocabilità, sicuramente è possibile virare su altri lidi, trattandosi di un titolo ormai disponibile per piattaforme plurime e inserendosi in un contesto dove sono presenti titoli analoghi altrettanto validi.

COMMENTI
Clicca qui per aggiungere un commento




Il Buono

  • Elevato numero di livelli
  • Livello sfida in crescendo

Il Cattivo

  • Può risultare ripetitivo
  • Spesso ci si affida al fattore casualità e non ragionamento
  • C'è di meglio sul mercato
5,5

Scritto da: Christian "Christi90" Giordano

Christian Giordano è un geek proveniente dal tacco d'Italia, che vive per passioni e per passione e studia Medicina. Nato con il NES come cuscino, tra le bucoliche foreste di Zelda e gli interrogativi brick di Mario, è stato forgiato con due braccia e due pad per poter giocare, testare, vivere qualsiasi genere di avventura il mondo videoludico gli palesi sul vetro della sua console, portatile o non, dalla Nintendo alla Sony, con tutte le sfumature che il mercato propone. Cresciuto con il mito de Il Piccolo Grande Mago dei Videogames, è un giocatore eclettico e un collezionista che sa scovare in ogni angolo del globo anche il game meno idolatrato per gustarne e vagliarne le qualità di persona. Piacevoli distrazioni al suo lavoro sono il Calcio, la Musica e i Motori, nonchè la sua musa ispiratrice con la sua somma pazienza.

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet