STEEP

Da il il Recensioni, 4 più

[RECENSIONE] STEEP

Steep è, a prescindere da tutto, il primo vero e proprio gioco di snowboard per la generazione attuale. A essere onesti, è il primo gioco di snowboard AAA da diversi anni a questa parte, motivo che già probabilmente basta a metterlo sui radar di diversi giocatori. Se infatti i giochi di snowboard (e altri sport “estremi”) andavano parecchio di moda a inizio secolo, abbiamo assistito a una progressiva sparizione negli ultimi anni e titoli come Cool Boarders, SSX e Tony Hawk’s Pro Skater non hanno assolutamente lo stesso richiamo di un tempo. Steep è qui per cambiare le cose, promettendo di offrire una grande varietà di contenuti single e multiplayer e ambientazioni ricreate prendendo a modello alcune delle più famose cime d’Europa.

Steep tenta un approccio largo al genere, offrendo quattro diversi “sport” da praticare nella stessa ambientazione, cinque se si include la possibilità di camminare.E seppure è vero che di base avrete a che fare con corse ad alta velocità e tricks, dall’altra ci sarà una grossa enfasi sull’esplorazione, con intere montagne piene di discese da scoprire. Inizialmente la mappa sembrerà infatti vuota, con ben poche attività in cui cimentarsi, ma è tutto calcolato. Armati del vostro fido binocolo scoprirete poco alla volta nuove drop-zones, punti di viaggio rapido dove poter sbloccare eventi e sfide e così via. Steep premierà continuamente il vostro volere di più, esplorate e avrete nuove zone, salite di livello e avrete nuovi eventi in cui cimentarvi.

L’accento è posto sì, sullo snowboard, ma come detto prima Steep vi offrirà altri tre sport estremi in cui cimentarvi, lo sci,il parapendio e il volo con tuta alare. Tutte le gare possono essere affrontate sia con lo snowboard sia con gli sci, lasciando a voi la scelta in base alle situazioni. Le altre attività avranno invece degli eventi dedicati, che solitamente hanno a che fare principalmente col passare attraverso degli anelli ed evitare di fracassarsi al suolo. L’importante è che vi sentiate liberi di fare ciò che più vi aggrada, perché è di questo che si tratta quando si parla di Steep.

 

 

E il tutto si lascia giocare bene, soprattutto grazie ai controlli ben tarati di sci e snowboard, che strizzano un occhio al realismo limitando però gli eccessi della simulazione. Accompagnati da un buon senso di velocità e del peso riescono a fornire anche il giusto livello di sfida nelle sezioni più acrobatiche, dove il rischio di rompersi buona parte delle ossa è sempre alto. Simile discorso per il volo con tuta alare, dove anche il minimo errore può costarvi caro quando si sfreccia a tutta velocità contro la gravità. Le sezioni di parapendio sono quelle più calme, dove sfrutterete le correnti calde per prendere quota tentando di giungere alla fine del vostro percorso. C’è da dire che comunque, a prescindere dalla tensione dell’alta velocità, la possibilità di ricominciare praticamente premendo un tasto aiuta a correre qualche rischio extra senza preoccuparsi troppo.

Non è tutto oro ciò che luccica, e Steep ha diversi problemi che influenzano in modo più o meno pesante l’esperienza di gioco. Innanzitutto, la mappa è difficile da utilizzare, rendendo spesso parecchio macchinoso anche il semplice trovare un evento. Anche I menù in generale sembrano dare priorità allo stile più che alla semplicità di utilizzo per l’utente finale. Non mancano poi momenti in cui il vostro personaggio si incastrerà nello scenario o inizierà un evento trovandosi rivolto al contrario del senso di marcia, o ancora si schianterà al suolo al posto di prendere il volo con la tuta alare. Nulla di terribile, ma fornisce al gioco una certo taglio grezzo che mal si sposa con l’immagine rifinita che tenta di dare.

 


Inoltre, per quanto sia vero tutto ciò detto precedentemente, con un gran numero di luoghi da trovare e gare da sbloccare, dopo un po’ sarà abbastanza ovvio che la varietà degli eventi lascia parecchio a desiderare. Certo, i percorsi saranno diversi e la difficoltà aumenterà progressivamente, ma non al punto tale da offrire qualcosa di nuovo. Si potrebbe obiettare che in ogni sportivo la monotonia sia una sorta di arma a doppio taglio, ma da un videogioco ci si aspetta la capacità di intrattenere offrendo sempre un buon motivo per tornare e, a mio avviso, Steep soffre da questo punto di vista. Un peccato perché in fondo la realizzazione degli ambienti, i controlli e la fisica lo rendono un prodotto di qualità. Magari la sezione varietà potrebbe cambiare in futuro grazie a qualche contenuto extra, ma è difficile fare promesse a così poco dall’uscita.

 

 

Steep riesce nel suo intento di offrire una serie di sport estremi ai giocatori, con un comparto tecnico degno di nota e una strana enfasi sull’esplorazione, mai vista prima in questo tipo di gioco. Questo con i suoi difetti, ma nulla di imperdonabile.

Forse è l’anima che gli manca, quella che ai suoi tempi rese incredibilmente popolare SSX (e gli altri titoli della EA BIG), ma non significa che i giocatori in astinenza da veloci discese non saranno soddisfatti di questo semi-simulatore di montagne innevate.

Recensione a cura di Sacha “Omeganex999” Morgese

COMMENTI
Clicca qui per aggiungere un commento




Il Buono

  • Ottimo comparto tecnico
  • Fisica e controlli eccellenti
  • Montagne intere da esplorare

Il Cattivo

  • Qualche difetto tecnico
  • Monotonia degli eventi
8

Scritto da: Gerolamo "Pintur" Grosso

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet