Xenoraid

Da il il Recensioni, 7 più

[RECENSIONE] Xenoraid

Un altro shooter sull’eShop

Sparkle 2, Crimsonland, Neon Chrome, Jydge e, in questo caso, Xenoraid. Questi alcuni esempi di come 10tons stia cercando di supportare e sfruttare l’eshop di Nintendo Switch da qualche mese fino ad oggi. Non c’è dubbio che a leggere la lista appena fatta ne si possa notare una netta prevalenza di shooter, e Xenoraid, uno degli ultimi arrivati, non fa eccezione.

Disponibile al prezzo di 9,99€, Xenoraid si presenta come un classico shoot ’em up futuristico a scorrimento verticale, con vari livelli da superare eliminando tutti i nemici che vi si pareranno di fronte. Naturalmente la premessa narrativa non può esser altro che la minaccia aliena di turno, che tra un evento e l’altro farà da sfondo a tutte le cinque campagne disponibili, ognuna di esse accompagnata da semplici dialoghi ampiamente evitabili vista l’inconsistenza della trama. I circa 40 livelli che compongono l’offerta ludica di Xenoraid si alternano spesso, nella campagna di appartenenza, per il grado di difficoltà (facile, medio, difficile). Non sarà quindi una progressiva scalata verso il livello più difficile, ma piuttosto un mix ben alternato di sfide più o meno complicate, che comunque non differiscono più di tanto l’una dall’altra, se non per la presenza di boss e mini boss. Manca quindi un po’ di varietà, che avrebbe potuto dare una caratterizzazione propria alle campagne, a conti fatti tutte molto simili tra loro.

Ciò che invece contraddistingue Xenoraid dal resto degli shooter è la possibilità di poter gestire ben quattro navicelle, una alla volta, in ogni livello. Ogni astronave presenta caratteristiche uniche, differenziandosi per arma primaria, secondaria, resistenza e manovrabilità. In ogni momento potrete switchare (guarda caso) tra una navicella e l’altra, operazione che si rivela anche utile per evitare i colpi nemici, che non avranno effetto durante il cambio. Nel caso in cui perdiate una navicella avrete anche la possibilità di sostituirla, utilizzando i crediti guadagnati dalle missioni precedenti o rilasciati dai nemici distrutti. La spesa però, in proporzione ai guadagni, è considerevolmente alta, quindi sarà sempre necessario prestare molta attenzione a non utilizzare una navicella più del dovuto.

Anche perchè i crediti guadagnati possono essere spesi per upgrade molto interessanti, in particolare per le armi delle astronavi, che possono così guadagnare maggior potenza o rateo di fuoco. E questo è l’unico modo per ottenere potenziamenti, a differenza di molti altri shooter che offrono power ups temporanei all’interno dei livelli. Il sistema economico del gioco soffre però di un grande difetto, ovvero il completo azzeramento dei crediti e degli upgrade sbloccati al termine di ogni campagna. Saranno quindi poche le occasioni per poter apprezzare le proprie conquiste o fare sfoggio di armi più potenti.

Graficamente Xenoraid ha ben poco di cui vantarsi, anzi, si può tranquillamente dire che si avvale di un comparto tecnico quasi da gioco mobile, con ben poca fantasia nelle ambientazioni e una serie di effetti esplosivi davvero discreta. Stessa cosa per l’audio, limitato a pochi temi di sottofondo e di livello standard. Niente insomma che mostri una certa ambizione, bensì lo stretto necessario a far rientrare il gioco nella media.

In definitiva è difficile poter puntare su Xenoraid vista la line-up che ormai può sfoggiare l’eShop di Nintendo Switch. Dal canto suo il titolo 10tons si dimostra sicuramente nella media degli shoot ’em up a scorrimento verticale, ma il discreto livello di ogni componente del gioco rende Xenoraid un gioco che difficilmente troverà spazio nella vostra memoria. Buono in ogni sua parte, memorabile per nessuna.

COMMENTI
Clicca qui per aggiungere un commento




Il Buono

  • Buona progressione economica di gioco...
  • Buon shooter...

Il Cattivo

  • ...che però si azzera continuamente
  • ...ma non si distingue dalla concorrenza
6

Scritto da: Simone "nuggets619" Lenotti

Prima che la passione videoludica trovasse continuità ha vissuto quattro epoche diverse capitanate da Super Mario 64, Unreal Tournament, Pokemon (che le aziende di batterie stilo ringrazieranno a vita) e per finire Halo, del quale segue qualsiasi cosa e che ritiene uno degli universi di fantascienza più appassionanti di sempre. Ad oggi si ritiene un giocatore universale, ancora attaccato alle portatili Nintendo, oltre che particolarmente ferrato negli FPS e nella nobile arte dello stealth. Felice possessore di Switch, PS4, Xbox One e 3DS.

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet