[VIDEORECENSIONE] Watch Dogs

original
8.8 Voto Finale
C.Tecnico : 8.5/10
Giocabilità: 9/10
Longevità: 9/10

MEGLIO DI: qualsiasi altro free-roaming

PEGGO DI: GTA V

 

Sequenza 01.Immagine001

Hackerare il sistema non è mai stato così facile

Watch Dogs, un titolo attorno al quale si sono riversate le aspettative di tutti i videogiocatori delusi da una nuova generazione che non spicca e dalla voglia di rinnovamento in un genere che ormai rimane fermo su meccaniche sempre uguali. Alla base di questo titolo c’è l’hacking, la vera e propria base su cui gira l’intero gameplay. Ubisoft è riuscita ad utilizzare tutto ciò che noi amiamo, come internet e il mondo virtuale, ed usarlo per creare un videogame in cui la vita privata e i sistemi di sorveglianza possono essere manipolati a proprio piacimento e sta a noi scegliere per che scopo usare queste possibilità. Anni sono passati dal primo annuncio e, dopo un rinvio dietro l’altro, finalmente abbiamo la possibilità di scoprire se questo titolo è il capolavoro che tutti attendono o un clamoroso buco nell’acqua.

Sequenza 01.Immagine002

Lo Smartphone di Aiden, l’arma principale del gioco.

Watch Dogs racconta la storia di Aiden Pearce, un hacker che vive in una Chicago tenuta sotto scacco dal sistema operativo ctOS, in grado di spiare la vita di ogni cittadino e di controllare ogni movimento all’interno della città, grazie alle numerose telecamere presenti ad ogni angolo o vicolo.  Un uomo tormentato che vive la sua vita con il desiderio di fare giustizia. Un crimine finito male porta alla morte della cara nipote, procurata da un sicario pagato per spaventare la sua famiglia e porre fine alle sue malefatte. Questo è lo spunto che porta il nostro criminale a diventare un vigilante e sfruttare le sue grandi doti a proprio favore. Una trama piatta che fatica ad ingranare, prevedibile, priva di colpi di scena che avrebbero potuto dare quello spunto per cambiare marcia. La presenza di personaggi carismatici non manca, ma anche in questo caso la palla non viene presa al balzo. Una trama che di fronte al gameplay di questo titolo diventa davvero piccola, un peccato se pensiamo che l’atmosfera che è riuscito a crearsi Aiden poteva essere sfruttata al meglio facendolo diventare un titolo tripla A di tutto rispetto. La formula degli Open World sicuramente non favorisce il racconto di una storia lunga e complicata, a favore di uno studio quasi maniacale del gameplay e di una miriade di missioni primarie e secondarie volte a distrarre e tenere sempre occupato il videogiocatore. Proprio in questo Watch Dogs eccelle.

Sequenza 01.Immagine003

Il mondo di Watch Dogs è totalmente hackerabile

L’elemento chiave è l’hacking, ciò in cui Aiden primeggia. Dimenticatevi qualsiasi vecchia base intorno a cui giravano inseguimenti, sparatorie e missioni, qui tutto cambia grazie al nuovo gameplay offerto e studiato da Ubisoft per Watch Dogs. Attraverso il nostro smartphone vediamo aprirci milioni di possibilità per poter affrontare al meglio e in modo del tutto nuovo qualsiasi cosa ci si pari davanti. Il sistema di sicurezza ctOS è come burro nelle nostre mani e grazie ad esso riusciamo, utilizzando le migliaia di telecamere di sorveglianza sparse per Chicago, ad arrivare ad aree inaccessibili e compiere hackeraggi anche a distanza dal nostro bersaglio. La possibilità di far saltare equipaggiamenti è una delle soluzioni per mettere fuori gioco più nemici contemporaneamente, far scattare gli allarmi o utilizzare delle esche sonore sono solo alcuni dei metodi per attirare a se i malcapitati per poi metterli KO. Un sistema di puntamento ci da modo di scrutare nella vita privata di ogni individuo, non sarà difficile venire a sapere di situazioni imbarazzanti, passioni ambigue e sopratutto individuare malintenzionati pronti a compiere cattive azioni. Se la vita in questa città è sempre ricca di momenti eccitanti, gli inseguimenti in macchina non sono da meno: la possibilità di sparare alla guida è stata eliminata e sostituita da efficacissime interazioni con il mondo di gioco. Durante la corsa sarà infatti possibile alzare ponti per bloccare i nostri inseguitori, barriere automatiche in grado di fermare e distruggere le macchine che ci stanno alle calcagna o più semplicemente cambiare la precedenza ai semafori così da creare disordini agli incroci. Tutto questo è il segreto di questa fantastica produzione, un ambiente vivo e dinamico che può essere manipolato a nostro piacimento e sfruttato come meglio crediamo. Ovviamente l’uso dell’hacking non è la sola arma a disposizione di Aiden, grazie al suo manganello estendibile e alle sue capacità di combattimento non faremo alcuna fatica a neutralizzare qualsiasi tipo di avversario, senza ovviamente contare il vasto arsenale a disposizione. Inoltre, è presente un interessante sistema di crescita che ci da modo, attraverso puntiesperienza, di sbloccare e potenziare le capacità di Aiden. I quattro rami si dividono in combat, hacking, driving e crafting, ognuno di essi ci consente di andare a migliorare le caratteristiche che meglio si addicono al nostro modus operandi.

Sequenza 01.Immagine004

Il protagonista di Watch Dogs: Aiden Pearce

Il nostro cellulare ha molte funzioni, una delle quali è segnalarci tutte quelle che sono le quest secondarie e le attività che Chicago ci offre. Per accederci però sarà obbligatorio hackerare delle stazioni ctOS come un moderno Ezio Auditore, completando il puzzle ambientale che ci verrà proposto, passando da una telecamera ad un altra arrivando cosi a sbloccare il nostro bersaglio. Ovviamente la mappa non è l’unico modo per tenerci occupati, girando per la città e sbirciando nella vita di cittadini non sarà difficile ritrovarsi a sventare dei crimini, missioni di trasporto e bande da fermare. Una serie di quest davvero ben studiate che si aggiungono alle varie partite di poker, gare di bevute, partite di scacchi e giochi in realtà aumentata a cui Aiden può prendere parte in qualsiasi momento. Ma la vera chicca sono i trip digitali, divertenti e anche complessi minigiochi in cui saremo catapultati in una realtà estranea e in cui dovremo ad esempio guidare una vettura alla Carmageddon o più semplicemente distruggere tutto ciò che ci circonda attraverso un ragno robotico gigantesco. Anche qui è presente un albero delle abilità del tutto slegato a quello della campagna principale e in grado di darci qualche aiuto in più durante le nostre prove. In un mondo connesso alla rete internet e sempre hackerabile non poteva mancare una modalità multiplayer ad “invasione”. In palio punti abilità che ci consentiranno di sbloccare skill e abilità slegate da quelle della modalità single player. Ci troveremo quindi ad assumere la forma di un qualsiasi passante con il compito però di hackerare il cellulare del nostro rivale. Da qui inizia la sfida, il nostro comportamento sarà fondamentale per non farci scoprire durante la ricerca da parte dell’inseguitore. Seppur sia la migliore delle modalità offerte da Watch Dogs, non si tratta della sola, la presenza di gare automobilistiche, inseguimenti e scontri caotici in una sorta di cattura la bandiera ci terranno occupati per svariato tempo. La tendenza è quella di unire il videogioco su console a delle app, una vera  occasione per migliorare un titolo in cui lo smartphone è il vero e proprio fulcro del gioco.  Una sorta di guardia e ladri in cui un utente scaglia attraverso la propria applicazione pattuglie di polizia ed elicotteri contro il videogiocatore connesso che avrà l’unico compito di fuggire utilizzando tutti le possibilità che Chicago gli offre. Aggiunte davvero ottime che arricchiscono un videogioco che da solo può tenerci incollati ai nostri schermi per numerose ore.

Sequenza 01.Immagine005

Chicago è una metropoli interamente esplorabile sia a piedi sia con i mezzi di trasporto

Risulta davvero difficile potersi lamentare della longevità, per un totale di circa venti ore di gioco per finire la campagna principale escludendo quindi la modalità multiplayer, la moltitudine di minigiochi e di svariate missioni secondarie presenti nella mappa di Chicago. Il comparto tecnico è di tutto rispetto, e brilla particolarmente dal punto di vista grafico. Una città viva e ben caratterizzata, modelli poligonali dei personaggi principali ben definiti e un sistema di illuminazione ben caratterizzato che da il meglio di se durante le fasi di gioco notturne. La fisica delle auto e degli impatti sicuramente non fa gridare al miracolo e ci lascquesto punto di vista. Davvero un peccato vedere come un titolo di questa portata non sia riuscito a girare a 1080p e 60fps, che dati alla mano dovevano essere la base della passata generazione di console. Infine, il comparto sonoro è davvero ben caratterizzato con il solito pregevole doppiaggio in lingua italiana e una colonna sonora davvero di tutto rispetto.

Sequenza 01.Immagine006

Ottimi modelli poligonali e superbo doppiaggio italiano

Si potrebbero passare ore a fare il paragone con la serie targata Rockstar, ma quel che è certo è che Watch Dogs è uno dei migliori free-roaming uscito negli ultimi anni. Un titolo che a livello di gameplay sbaraglia la concorrenza grazie alle meccaniche offerte dall’hacking. Nuova linfa vitale a questo genere di videogiochi con inseguimenti, sparatorie e attività secondarie mai banali e sempre da studiare. Un gameplay superbo che serve a compensare una narrativa che non riesce mai a decollare. Watch Dogs rappresenta un’ottima base di lavoro per creare una saga di tutto rispetto, con la speranza che i ragazzi di Ubisoft riescano a sfruttare al massimo quello che l’hacking ha da offrirgli. Ovviamente lo consigliamo senza alcun remore a tutti, non fatevi spaventare dai mille discorsi in rete sulle differenze grafiche tra i primi video mostrati anni fa e l’attuale comparto tecnico. Ci chiediamo cosa ne sarebbe uscito se Ubisoft accanto ad un solido gameplay avesse sviluppato una trama coinvolgente e profonda.

  • Uso dell’Hacking ben congegnato
  • Tantissime missioni secondarie
  • Tecnicamente ottimo
  • Trama piatta, con poco sviluppo
  • Mappa di gioco non molto estesa


COMMENTI
  1. 2.

    Mmm… ero incuriosito abbastanza da questo titolo, e leggendo questa recensione credo di essermi tolto molti dubbi. E’ un peccato che non sia stata sviluppata una trama decente, perchè va bene che i free roaming offrono di tutto e di più, ma uno straccio di storia convincente ci deve pur essere. Se proprio potevano optare anche a lasciare tutte (o la gran parte almeno) le cose secondarie alla fine, in modo da non distrarre il giocatore. La mia più grande paura però è che questo diventi il nuovo AC, che venga serializzato selvaggiamente una volta l’anno inserendo poche migliorie… bo staremo a vedere, quando sarò passato alla PS4 sicuramente sarà a prezzo ribassato e a quel punto vedrò se confermare o meno i miei dubbi
    4.

    Bravissimo, ottima guida e sono assolutamente d’accordo su ogni singola parola che hai detto :clap: Alla fin fine lo trovo un ottimo gioco, mi sto divertendo abbastanza e poi dai è troppo figo governare la citta con un telefono :asd: Voglio l’app :asd:
    6.

    Davvero una bella recensione, vi ho già fatto i complimenti. Il pensiero che ho maturato (come già qualcuno ha detto) è che il prezzo pieno non lo vale, cosi come molta roba che esce oggi. Aspetterò almeno che arrivi su di una quarantina di euro, poi inizierò a pensarci seriamente!
    7.

    Un gioco davvero ricco di contenuti e devo dire che l’acquisto al D1 è stata la scelta migliore per me. Gran titolo e spero che con il season pass l’offerta di gioco possa essere ampliata a dovere.
    8.

    Io vado controcorrente e anche se non ho ancora finito il gioco dico la mia.

    Io credo che tutto sommato sia stato giusto sviluppare una trama semplice. Watch dogs offre spunti nuovi su quelli che sono i giochi free roaming e mettere troppa carne al fuoco con una storia molto impegnativa forse sarebbe stato troppo.

    Avere una città intera a portata di app è davvero una figata, poi capisco se dite che grosso modo è ripetitivo, ma da un titolo come questo non puoi aspettarti 70 missioni totalmente differenti quindi ci può stare.

    Io sinceramente non avevo mai usato dei dissuasori stradali per bloccare dei nemici e devo dire che trovo molto divertente farlo, tanto per fare un esempio stupido, oppure farmi gli emeriti affari degli altri hackerando i loro PC.

    Poi come dice Max questa potrebbe diventare un titolo a cadenza annuale e va beh sappiamo questo cosa comporta, ma devo dire che vedo ottime basi per innovazioni future. Anche il primo AC aveva le sue lacune che poi nel II son state in buona parte colmate.

    Anche se non in maniera definitiva (ripeto perchè non l’ho ancora finito) son rimasto piacevolmente stupito da questo titolo e me lo sto giocando volentieri. Siamo davanti ad un gioco che è stato pompato alla grande ma se non altro nn è solo fumo.

    E poi datemi dell’eretico ma il mio sogno sarebbe giocare ad un AC e poi l’anno dopo giocare il presente di quel titolo sottoforma di watch dogs. (si lo so cago fuori dal boccale..) Però kissà cosa sarebbe in grado di fare una società come l’abstergo con i mezzi messi a disposizione in watch dogs.

    9.

    ottima rece, speravo d trovare la voce di albe però:p

    da quando l’hanno annunciato sapevo che non faceva per me, e ora, dopo la vostra recensione, so per certo che non lo prenderò…tutto basato sull’hakeraggio mi convince poco come gioco free roaming:bah: avrei preferito un gioco più alla gta ecco:lol:

    10.

    È stato tutto un po strozzato a favore del hacheraggio, non male come idea , ma neanche io pensavo fosse così tanto presente

    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

    11.

    rikierta

    Dai che vorresti anche tu avere quell’app per hackerare qualsiasi cosa in città :asd: Io comunque se fossi stato nel protagonista avrei usato il cellulare per altri e subdoli scopi :sisi: tipo: Fregarmi miliardi di soldi in tutte le banche del mondo, oppure fare gli scherzi alle persone :sisi:

    12.

    mataluno
    Dai che vorresti anche tu avere quell’app per hackerare qualsiasi cosa in città :asd: Io comunque se fossi stato nel protagonista avrei usato il cellulare per altri e subdoli scopi :sisi: tipo: Fregarmi miliardi di soldi in tutte le banche del mondo, oppure fare gli scherzi alle persone :sisi:

    Hahahhahaha, piccoli haker crescono:asd: non ti daró nemmeno il mio numero di telefono:lol: ma condivido il tuo pensiero…anzichè ciurlare con semafori e telecamere, sarebbe stato più utile trasferire i soldi dai conti correnti degli altri al mio

    Sent from the space using the All Spark

    13.

    Allora concordo in gran parte con tutto quello che si è detto però mi aspettavo che si fossero speso due parole in più per parlare dei “difetti” :)

    Quello che ha scritto la storia secondo me lo dovrebbero licenziare haha però almeno non era noiosa anche se io avrei fatto il finale cosi: tutti gli hacker del mondo mandano i loro dati spirituali per fare la super hanckidama da lanciare contro il super cyberbuu e tutti vissero felici e contenti :D

    Ps. Posso dare un suggerimento per il video?

    Vero la fine dal min 7 circa il video non centra praticamente niente col parlato. Se il video fosse inerente al testo secondo me è molto più gradevole. È solo un consiglio non prendetelo male perché il resto è davvero ottimo.

    Inviato dal mio GT-I9001 con Tapatalk 2

    14.

    Assolutamente vero :) purtroppo qui abbiamo lavorato separati e nella fretta di farla uscire in tempo non abbiamo badato ai dettagli

    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

  • Facebook
  • Twitter
Autore: Alberto "Soldato89" Angileri Visualizza tutti i post di
Amante di Cinema e Videogiochi, preferisco quando le due passioni rimangono separate ma non mi dispiace quando si legano per creare piccoli capolavori. Gioco su svariate console e sfrutto anche il mio smartphone per portare avanti la mia passione. Divoro praticamente tutto, ma prediligo sparatutto e action-adventure. Da anni su Coplanet.it senza perdere la voglia di giocare e scrivere.

Aggiungi un Commento

Devi essere connesso per lasciare un commento.

UA-2526809-1