[HANDS ON] Batman: Arkham Origins

batman arkham originsBatman è tornato, ed è più in forma che mai!

Milano, 24/09/2013 – Inutile negarlo; la serie Batman: Arkham sviluppata da Rocksteady Studios ha lasciato un segno in questa (ormai sulla via del tramonto) settima generazione videoludica. Pur distaccandosi quasi completamente dalle vicende raccontate nel fumetto, con Asylum e City la software house britannica è riuscita ad espandere l’universo DC con una serie di videogiochi in grado di offrire una buona narrazione, dei personaggi ben caratterizzati e, soprattutto, un’ambientazione cupa e tetra molto simile a quella della carta stampata.

Ad aprile è stato annunciato Batman: Arkham Origins, titolo affidato a Warner Bros. Games Montrèal (team già famoso per aver realizzato il porting di Arkham City per Wii U) con Rocksteady presente solamente nelle vesti di supervisore. Come si può intuire dal titolo, non si tratta di un terzo capitolo vero e proprio, bensì di un prequel ambientato diversi anni prima rispetto alle vicende narrate in Arkham Asylum.

Prima di essere l’eroe di cui Gotham City ha bisogno, prima di conoscere Robin e Catwoman, prima di diventare una leggenda, Batman è soltanto un vigilante che, indossando maschera e mantello per difendere la sua vera identità, protegge la sua città pervasa da omicidi, criminali e politici corrotti. Ed è proprio così che iniziano le vicende di Arkham Origins. Nella notte della vigilia di Natale, l’Uomo Pipistrello viene inseguito da otto dei più letali assassini dell’universo DC Comics (i sei attualmente confermati sono Deathstroke, Deadshot, Bane, Copperhead, Firefly e Lady Shiva) che sono pronti ad uccidere il Cavaliere Oscuro per riscattare la taglia di 50 milioni di dollari che Maschera Nera (o Black Mask se preferite) ha messo sulla sua testa.

batman

Black Mask sarà la nostra nemesi

Nella parte iniziale della breve demo (intitolata “Penguin Office”) che ho avuto modo di provare, ho dovuto affrontare alcuni scagnozzi del Pinguino e, a primo impatto, posso dire che il FreeFlow, il combat system, è rimasto sostanzialmente lo stesso dei precedenti capitoli della serie. Non mancano però alcune novità. Ben Mattes (Senior Producer del videogame) ci ha spiegato infatti che Warner Bros. Games Montrèal ha voluto puntare molto di più sui combattimenti rispetto al passato; ciò significa che le combo avranno un’importanza maggiore: più alto sarà il counter, maggiori saranno i punti esperienza che riceveremo per potenziare le nostre abilità nel corpo a corpo e i gadget che abbiamo a disposizione.

Già, i gadget. Da semplici “oggetti di contorno”, ci troviamo ora di fronte ad armi di un’importanza notevole all’interno dei combattimenti, specialmente nelle boss battle. Appena finito di sconfiggere l’ultimo tirapiedi del Pinguino mi sono trovato faccia a faccia con Deathstroke e (mi vergogno ad ammetterlo) è stata una battaglia parecchio impegnativa; Slade Wilson si è dimostrato infatti un avversario tostissimo, con un’elevata propensione agli attacchi corpo a corpo, al lancio di fumogeni e all’utilizzo della pistola rampino. Ho potuto imparare a mie spese che attaccare continuamente è inutile: Deathstroke infatti schiverà tutti i nostri colpi e ci manderà sempre al tappeto; ecco perché il tempismo, l’utilizzo dei gadget più appropriati e, soprattutto, lo studio delle tecniche dell’avversario risulta la strategia vincente, feature sulla quale gli sviluppatori sembrano aver voluto puntare molto.

Batman-Arkham-Origins-Deathstroke-Pose

Il mercenario Deathstroke è una perfetta macchina da guerra

Come sappiamo però, nella serie Batman: Arkham non ci sono solamente i combattimenti; la parte esplorativa riveste ancora un ruolo fondamentale, tanto che in Origins avremo a disposizione una Gotham City completamente esplorabile di una grandezza di circa il doppio rispetto a quanto visto in Arkham City. E’ stata confermata anche la celebre “modalità detective” grazie alla quale, con la semplice pressione di un tasto, è possibile attivare una sorta di vista a raggi X utile per avere accesso a dettagli aggiuntivi come la posizione dei nemici o di determinati oggetti. Questa modalità è stata inoltre ampliata con il sistema “Scena del crimine” che permette a Batman di analizzare e ricostruire in tempo reale i crimini più difficili da risolvere.

A primo impatto, Batman: Arkham Origins mi è sembrato un ottimo gioco e, personalmente, da quel poco che ho potuto provare non ho notato un sostanziale cambiamento di stile rispetto alle produzioni Rocksteady Studios (a mio parere, è una cosa positiva). La nuova opera targata Warner Bros. Games Montrèal uscirà il 25 ottobre per PS3, XBOX 360, Wii U e PC; appuntamento quindi tra un mese circa per una recensione più approfondita.

COMMENTI
  1. 1.

    CPN News
    Batman è tornato, ed è più in forma che mai!

    Milano, 24/09/2013 – Inutile negarlo; la serie Batman: Arkham sviluppata da…

    Clicca qui per vedere l’articolo

    Concordo in toto con quanto scritto da te cari andrea;)

    Felice di aver provato anche io questa demo anche se deluso dalla scelta del momento nella storia 🙁

    Mi è piaciuto tuttosommato 🙂 bella recensione

    Sent from the space using the All Spark

    2.

    rikierta
    Concordo in toto con quanto scritto da te cari andrea;)

    Felice di aver provato anche io questa demo anche se deluso dalla scelta del momento nella storia 🙁

    Mi è piaciuto tuttosommato 🙂 bella recensione

    Sent from the space using the All Spark

    La cosa “positiva” è che anche gli altri colleghi le hanno prese di brutto da Deathstroke, quindi non sono l’unico dai :asc:

    3.

    lordfener91
    La cosa “positiva” è che anche gli altri colleghi le hanno prese di brutto da Deathstroke, quindi non sono l’unico dai :asc:

    Beh si, lo ammetto che pure io le ho prese peró ricordati che era a difficile;) e quasi lo battevo:asd: mi mancava poco:lol:

    Sent from the space using the All Spark

    4.

    rikierta
    Beh si, lo ammetto che pure io le ho prese peró ricordati che era a difficile;) e quasi lo battevo:asd: mi mancava poco:lol:

    Sent from the space using the All Spark

    Io mi sono segnato che era a “normale” :asd: e comunque c’era una cosa che non abbiamo potuto provare: l’addestramento alla Bat-Caverna :indiff:

    5.

    Maledetti, mi avete fatto venire voglia di questo gioco! 🙂 Comunque bella “recensione”, complimenti 🙂 :asd:
    6.

    Mi fa piacere una conferma, da parte di chi ha toccato con mano, che Warner Bros. Montreal non abbia apportato grossi stravolgimenti al sistema FreeFlow precedentemente impostato da Rocksteady XD

    Per quanto riguarda la difficoltà, invece, credo sarebbe stato complicato per chiunque ritrovarsi nel mezzo di una boss fight senza aver ancora preso bene la mano con i comandi (visto che, come hai detto, pur rimanendo lo stesso sistema di combattimento dei precedenti Arkham, è stata apportata qualche modifica) 😉

    Comunque, complimenti per l’anteprima :clap:

    7.

    Yondaime-91
    Mi fa piacere una conferma, da parte di chi ha toccato con mano, che Warner Bros. Montreal non abbia apportato grossi stravolgimenti al sistema FreeFlow precedentemente impostato da Rocksteady XD

    Per quanto riguarda la difficoltà, invece, credo sarebbe stato complicato per chiunque ritrovarsi nel mezzo di una boss fight senza aver ancora preso bene la mano con i comandi (visto che, come hai detto, pur rimanendo lo stesso sistema di combattimento dei precedenti Arkham, è stata apportata qualche modifica) 😉

    Comunque, complimenti per l’anteprima :clap:

    Come ho accennato prima, tu puoi andare (non è obbligatorio) nella Bat-Caverna e allenarti con delle sfide dove ti vengono insegnati gli stili di combattimento dei boss e i modi per contrastarli. Non avendo potuto provare questa “modalità” mi/ci è risultato abbastanza difficile anche perchè su schermo non ti vengono dati suggerimenti; me ne sono usciti un paio, non di più ma non so se è dovuto alla difficoltà, magari a facile ti vengono detti tutti i tasti da premere ma spero di no 😉

    8.

    lordfener91
    Io mi sono segnato che era a “normale” :asd: e comunque c’era una cosa che non abbiamo potuto provare: l’addestramento alla Bat-Caverna :indiff:

    dici? boh, ricordo che smanettavano con la difficoltà ma boh:asd:




Scritto da: Andrea "lordfener91" Dugoni

Laureato in Economia Europea, scrive News per passione e videogioca nei pochi momenti liberi. E’ un grandissimo amante della saga di Star Wars (soprattutto di tutto ciò che riguarda l'Universo Espanso) e si chiede se un giorno riuscirà mai a finire di leggere tutti gli innumerevoli romanzi usciti dagli anni ’70 ad oggi. E’ contrario allo SPPOILEEERR di qualsiasi genere… ma solamente se sono gli altri ad anticipargli le notizie. Stalkeratelo sul Twitter: @lordfener91

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet