Xbox One: i giochi richiederanno un controllo di autenticazione e nessuna tassa per quelli usati

E’ una notizia dell’ultimissima ora: la nuova Xbox One non richiederà di pagare nessuna tassa per riattivare un gioco usato ma necessiterà di un controllo online per verificare l’autenticità dei giochi. Questo è quanto è emerso da un resoconto di alcune fonti vicine al sistema.

La Microsoft parte quindi dal presupposto che tutti dispongano di una connessione internet ma l’azienda sta anche sperimentando codici speciali di esenzione che potrebbero essere dati a persone in situazioni molto particolari (questione non molto chiara al momento n.d.r.).  

Il sistema finale che l’Xbox One utilizzerà per i giochi usati è ancora in fase di discussione ai piani alti dell’azienda il che spiega la reticenza della società nel chiarire più direttamente la questione. I dirigenti Microsoft hanno discusso sulla reazione che le dichiarazioni confuse sui giochi usati hanno generato e sulla necessità di avere internet attivo e, stando alla fonte, pianificano di chiarire tutto prima della conferenza dell’E3.

Gli stessi funzionari della società danno risposte contrastanti tra loro come quanto accaduto in questi giorni. Secondo un Q&A ufficiale Microsoft l’Xbox One non sarà always on ma richiederà una connessione attiva. Ai microfoni di Kotaku invece Phil Harrison ha dichiarato che la console avrebbe richiesto un controllo internet ogni 24 ore. Per salvarsi in corner la società ha preferito quindi mascherare questo precedente ed altri disguidi sotto la voce di “scenari potenziali”.

La Xbox One autentica automaticamente un gioco utilizzando un codice di crittografia integrato nel disco quando questo viene installato sulla console. L’autenticazione sul disco rigido legata al gioco è quindi verificata attraverso una connessione internet. Quando però una persona vende il gioco o lo installa su un altro sistema il gioco viene de-autenticato sulla macchina originale finché non verrà utilizzato su un altro dispositivo dove sarà nuovamente autenticato.

Le fonti dichiarano che non ci sono piani per far pagare nessuna tassa per i giochi usati e qualche giorno fa Larry Hryb ha toccato il tema dei giochi di seconda mano sul suo blog non accennando minimamente a nessun tipo di pagamento.  

La capacità di negoziare e rivendere i giochi è importante per i giocatori e per Xbox. L’Xbox One è progettata per sostenere il commercio e la rivendita. I rapporti sulle nostre politiche per il commercio e la rivendita sono imprecise e incomplete. Divulgheremo ulteriori informazioni nel prossimo futuro.

Mettiamoci dunque il cuore in pace e fin quando non vi saranno dichiarazioni ufficiali si tratterà di pure e semplici dicerie e nessuno toglie che anche questa lo potrebbe essere. 

COMMENTI
  1. 2.

    L’autenticazione sul disco rigido legata al gioco è quindi verificata attraverso una connessione internet. Quando però una persona vende il gioco o lo installa su un altro sistema il gioco viene de-autenticato sulla macchina originale finché non verrà utilizzato su un altro dispositivo dove sarà nuovamente autenticato.

    gia questa cosa mi sembra più serie di quelle sentite fino a questo momento

    3.

    ma quindi se uno compra un gioco usato, e per una settimana non puo connetersi a internet, non puo giocare O_OO_O

    ….. ma perchè devono o far pagare o rendere tutto piu complicato di ciò che deve essere; perchè per giocare (e per ”giocare” intendo un modo semplice/veloce/immediato per spassarsi via un pò senza troppe pretese 🙂 ) non basta più prendere la console, accenderla, inserire il disco, e giocare ???

    ma questa nuova Xbox la sta ”progettando” un team di ottusi burocrati italiani :facepalm ?!

    5.

    ormai certa gente se solo volesse potrebbe entrare da ogni parte, quindi anche così prima o poi riuscirebbero a piratare tutto secondo me, poi vabbè non sono un grandissimo esperto, ergo non linciatemi :asd:
    6.

    Headhunterz
    ormai certa gente se solo volesse potrebbe entrare da ogni parte, quindi anche così prima o poi riuscirebbero a piratare tutto secondo me, poi vabbè non sono un grandissimo esperto, ergo non linciatemi :asd:

    Nessuno ti dovrebbe linciare , hai detto solo la verità . Ormai è noto che ogni cosa che facciano , di ogni console prima o poi un modo per modificarla e piratare i giochi lo trovano di sicuro . L’unica cosa che possono fare è rallentare il lavoro a chi ci prova . Io speravo che con la nuova xbox il live non si pagasse più (come sulla play3) ma er ovvio che mi sbagliassi . Alla Microsoft gli piacciono troppo i soldi 😉




Scritto da: Dario "The Stig" Santoro

Giocatore fin dall'età di 6 anni, amo Final Fantasy e reputo il VII il migliore della serie. Sono un patito della tecnologia a 360 gradi ma ho una debolezza per i prodotti Apple. Amo i videogiochi e non le console. Sono un profondo sostenitore delle giornate da 36 ore e fermamente convinto che "non smettiamo di giocare perché diventiamo vecchi ma diventiamo vecchi perché smettiamo di giocare".

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet