New Tales from the Borderlands

Da il il Recensioni, 8 più

[RECENSIONE] New Tales from the Borderlands

Negli anni passati ci sono stati diversi giochi che avrei largamente ignorato se non fossero usciti su uno dei vari servizi ad abbonamento che pago annualmente (PS Plus, Game Pass ecc). Tra questi, un posto speciale nel mio cuore è riservato a Tales of the Borderlands. Creato nel 2014 in collaborazione tra Gearbox e la mai troppo compianta Telltale games. Nonostante non abbia mai raggiunto il successo di altri titoli della casa quali The Walking Dead o The Wolf Among Us, Tales from the Borderlands era a mio avviso dello stesso livello, con personaggi interessanti e una storia realizzata in modo eccellente sia dal punto di vista della struttura che dei dialoghi.

Con questa opinione, l’annuncio di un nuovo capitolo della serie non poteva che rendermi felice e, nonostante il passaggio di mano da Telltale a Gearbox e il fatto che si tratti di personaggi e storia completamente nuovi, aspettavo questo titolo con ansia sperando di poter provare le stesse emozioni. Ma oggettivamente è facile deludere aspettative alte.

L’avventura di New Tales ha come protagonisti 3 personaggi che iniziano l’avventura separati ma presto finiscono per convergere nello stesso punto a causa degli eventi. Anu, una scienziata con eccessivi problemi di moralità per il mondo in cui vive, suo fratello Octavio, uno scansafatiche alla ricerca di fama e Fran, la proprietaria di un negozio di yogurt gelato con problemi di rabbia. A questi 3 personaggi giocabili se ne aggiungeranno diversi secondari che non hanno nulla da invidiare ai protagonisti in quanto a realizzazione e mancanza di rotelle.

Per quanto sia difficile superare Rhys, Fiona, Vaughn, Claptrap e co, c’è poco da lamentarsi sul lavoro fatto da Gearbox: Sanno cosa rende Borderlands “Borderlands”.

Essendo questa un’avventura grafica in cui la storia è praticamente il 95% dell’esperienza, è meglio evitare di descrivere gli avvenimenti in modo troppo specifico ma per la maggior parte delle 8 – 10 ore necessarie a completarla potrete aspettarvi quanto di più classico: Tesori da trovare, corporazioni intergalattiche e tanta, nemici più fuori di testa dei protagonisti e tanta, tanta violenza. Comica, ma pur sempre violenza. Le vostre interazioni per la maggior parte del gioco saranno limitate a scelta tra dialoghi ed eventi QTE. In alcune sezioni avrete modo di esplorare l’area intorno a voi per parlare con npc, raccogliere soldi e cercare collezionabili. La valuta potrà essere utilizzata per acquistare costumi diversi per i personaggi, qualcosa che personalmente trovo inutile ma perché lamentarsi di qualcosa di completamente opzionale?

Come nel precedente (e la maggior parte dei titoli Telltale), NTFTB è diviso in 5 capitoli, tutti presenti nel disco. Volendo, avrete la possibilità di completarlo tutto in una seduta senza aspettare mesi tra l’uscita dei capitoli. Detto ciò, essendo un’avventura dove le vostre interazioni sono in larga parte limitate a dialoghi, con un livello di attenzione richiesto sempre alto, è forse meglio goduto poco alla volta.

Insomma, grande storia, ottimi personaggi, avventura grafica. Consigliato ai fan di Borderlands e delle avventure Telltale? Ni. Ci sono diversi problemi e non tutti necessariamente legati al fatto che New Tales funge da seguito a ciò che è forse la miglior storia mai raccontata in quell’universo. In primis, il modo in cui l’avventura si evolve e come finisce. Nonostante l’inizio promettente, l’intera situazione cade lentamente a pezzi e verso la fine viene da chiedere se non fosse stato meglio tagliare una o due ore e fornire una narrativa più concisa. Si ha la chiara impressione che la struttura di 5 capitoli di circa due ore sia stata decisa dall’inizio e l’unico modo di completare l’opera fossero diversi riempitivi prima dei titoli di coda.

Nonostante trovi che lo humor sia generalmente migliore di quanto visto in Borderlands 3, i personaggi finiscono per essere mononota, ripetendo paradossalmente la stessa gag infinite volte. Questo quando non prendono decisioni che hanno poco senso se non quello di far proseguire la trama. Siamo lontani dalla maestria della Telltale di quegli anni. Molto lontani.

Diversi finali e la presenza di collezionabili forniscono una certa dose di rigiocabilità ma visto il prezzo budget di 40 euro c’è poco da lamentarsi della durata.

New Tales from the Borderlands è una buona avventura grafica per gli amanti del genere che soffre unicamente nel non essere all’altezza del suo predecessore. Viene da chiedere se magari non fosse stato più interessante continuare la storia di Fiona e Rhys o magari tentare il rilascio di un capitolo alla volta per mantenere alta la tensione (ed evitare i filler del capitolo finale), ma a conti fatti reputo una nota positiva il fatto che alla Gearbox vogliano ancora esplorare l’universo della serie al di fuori degli sparatutto.

 

Recensione a cura di Sacha “Omeganex999” Morgese

Il Buono

  • Personaggi interessanti
  • Buona rigiocabilità
  • Buona rigiocabilità

Il Cattivo

  • …a piccole dosi
  • Troppi filler, soprattutto nel finale
  • Inferiore in tutto al suo predecessore
7

Scritto da: Gerry "Pintur" Grosso

Nessun commento al momento.

Rispondi

Chi Siamo

CoPlaNet.it è nato con lo scopo di racchiudere una passione che ci unisce e di discuterne insieme, ossia quella dei videogiochi. Naturalmente per permettere che ciò avvenga in maniera “tranquilla” è stato necessario stilare un REGOLAMENTO da seguire. Ricordiamo che il forum di CoPlaNet.it è di libera visualizzazione nella maggiorparte delle sue aree ma necessita di una registrazione gratuita per poter essere attivo e partecipare alle discussioni.

Tweet

Annunciata la collaborazione '#Vans - #Nintendo' https://t.co/kSh0S6gSMt #news #nintendowiiu3ds
Ducati - 90th Anniversary ha una data di uscita https://t.co/DjlvXdCJH9 #microsoft360one #news #pcesteam
Mafia III - Playboy e Collector's Edition https://t.co/2sbABjJI16 #microsoft360one #news #sonyps3ps4vita #mafiaiii